Skip to main content

Guida all’utilizzo sicuro dei Social Media per le aziende del Made in Italy


Il 14 marzo 2013 al Security Summit di Milano, verrà presentata una pubblicazione che è il frutto del lavoro sinergico del mio Studio e di molti partner Oracle, con il coordinamento prezioso della stessa Oracle attraverso l'opera instancabile di un suo brillante manager.



Questo è uno scampolo dell'interessantissimo quaderno:

Le norme rilevanti
Nel caso in cui un’azienda decida di fare ricorso agli strumenti del Web sociale, dovrà necessariamente tenere nella giusta considerazione alcuni atti normativi per assicurare correttezza e legittimità alla propria presenza sui Social Network.
[…]
Forme di tutela e raccomandazioni legali
L’uso dei Social Network è destinato ad incidere su alcuni processi dell’azienda, a prescindere dal fatto che questa abbia o meno intenzione di elaborare e seguire una strategia basata su di essi.
Il personale (dirigenti, dipendenti, stagisti e collaboratori in genere) di un’azienda usa, infatti, i Social Network, a prescindere dal fatto che siano state adottate: linee guida, policy o qualsiasi altra norma idonea a regolamentare tale ambito.
[…]
Gestione dei flame
Parlando di utenti dei Social Network ma anche dello specifico argomento dei “flame” (un messaggio deliberatamente ostile e provocatorio inviato da un utente alla comunità o a un altro individuo specifico) che possono provenire dalle fonti più diverse, bisogna evidenziare che opporsi ad un “flame” non è la stessa cosa che arginare o contestare un’affermazione fatta “in presenza fisica” da un concorrente o da un giornalista malizioso.
Occorre accertare l’identità di chi si esprime e valutare se l’affermazione fatta rientra in un qualche profilo di responsabilità
[…]

Dal 14 pomeriggio potrete scaricare il documento completo dal sito del Gruppo di lavoro.

Comments

Popular posts from this blog

Autorità Amministrative indipendenti e gerarchia delle fonti

Torno, come promesso, a parlare di autorità amministrative indipendenti e, per consecutio logica, delle problematiche relative al valore che può attribuirsi ai pronunciamenti nel contesto della gerarchia delle fonti considerato che le due questioni sono, a mio avviso, facce della stessa medaglia.

In particolare ad essere oggetto di esame è il difficile equilibrio tra Legge e Provvedimenti del Garante Privacy che, da tempo, è oggetto di controversie interpretative. Basti pensare al Provvedimento di natura prescrittiva sugli Amministratori di sistema: perché alcune indicazioni di natura generale diventano obbligatorie, vincolanti e foriere di sanzioni (penali e civili) per il Titolare che ne ometta l’applicazione quando né il vigente Codice Privacy né altre leggi accennano a questa figura (da non confondersi con l’operatore di sistema di cui alla novellata legge sui crimini informatici)?

Per poter dare una risposta vale la pena partire da quanto affermato nel precedente post: l’Autorità …